Il Blog di Progetto donna

Notizie e novità sulla Tua salute dai
Professionisti della salute di Progetto Donna

Torna al sito Progetto Donna

Il Blog di Progetto donna

Notizie e novità sulla Tua salute dai
Professionisti della salute di Progetto Donna

Torna al sito Progetto Donna

Acido folico: l’importanza in eta’ fertile

 

ACIDO FOLICO: L’IMPORTANZA IN ETA’ FERTILE

L’integrazione di acido folico nelle donne in età fertile rappresenta un intervento di prevenzione primaria fondamentale per favorire la salute preconcenzionale e per salvaguardare la salute del nascituro. Questa vitamina contribuisce a diminuire il rischio di malformazioni congenite nel neonato come ad esempio la spina bifida, malformazione causata da un difetto di sviluppo in cui la colonna vertebrale è aperta (bifida) a causa di una incompleta chiusura delle parti che costituiscono il canale spinale. Inoltre secondo recenti studi sembra che la supplementazione con acido folico diminuisca il rischio di prematurità, di basso peso neonatale, di autismo e di ritardo del linguaggio.

Ma cos’è l’acido folico ?

L’acido folico è una vitamina idrosolubile del gruppo B, non si trova in natura ma è facilmente sintetizzabile ed è il principale composto utilizzato nei prodotti multivitaminici. È contenuto nei folati, che sono presenti in un ampia varietà di alimenti in quantità variabile; in particolare l’acido folico si trova maggiormente nelle verdure a foglia verde (spinaci, broccoli, asparagi, lattuga), nei legumi (fagioli, piselli), nella frutta come kiwi, fragole e arance e nella frutta secca come mandorle e noci),

La normale alimentazione copre usualmente il fabbisogno giornaliero di soli 0,2 mg; la conservazione e la cottura dei cibi può diminuire molto la disponibilità di questa vitamina negli alimenti diminuendone l’assorbimento da parte dell’organismo.

Il fabbisogno non è uguale per tutta la popolazione generale ma cresce in base all’età, ricordiamo che questa vitamina protegge dalle patologie cardiovascolari e dal decadimento cerebrale nell’anziano, e diventa massimo in gravidanza e in allattamento.

Perché è importante in età fertile?

Chi programma una gravidanza, dovrebbe iniziare ad assumere l’acido folico per sei mesi prima del concepimento e per tutto il primo trimestre di gravidanza per ridurre, in modo efficace, il rischio di avere un bambino affetto da malformazioni come:
– anencefalia: è una gravissima malformazione congenita, dovuta al mancato sviluppo dell’encefalo e delle ossa del cranio, questa condizione è incompatibile con la vita;
– spina bifida: difetto di chiusura della colonna vertebrale;
– cardiopatie congenite: malformazioni anatomiche del cuore;
– labiopalatoschisi : malformazione congenita della bocca, caratterizzata dalla contemporanea presenza del labbro leporino e della palatoschisi; il labbro leporino è un’anomalia della bocca caratterizzata dalla presenza di una o due fessurazioni sul labbro superiore; la palatoschisi, invece, è un’anomalia del palato che si manifesta con una fessurazione lungo il palato molle e/o il palato duro.

Per quando riguarda la gestante l’integrazione sembra avere un ruolo preventivo nell’ipertensione indotta dalla gravidanza e relative complicanze andando a ridurre il rischio cardiovascolare.

I professionisti sanitari consigliano ad ogni donna , sessualmente attiva e che pianifica una gravidanza, di assumere un supplemento vitaminico giornaliero a base di acido folico a partire da almeno un mese prima del concepimento. il Ministero della Salute ha stabilito come linee generali l’assunzione di 0,4 milligrammi di acido folico al giorno prima del concepimento, 0,6 milligrammi dal 1° al 3° mese di gravidanza e 0,5 milligrammi fino alla fine della gestazione e in allattamento.

Alle donne che hanno già avuto una gravidanza con un feto/neonato con difetto del tubo neurale o con malformazioni il supplemento consigliato è di 4-5 mg al giorno.

Autore dell’articolo:
Dottoressa Barbara Mazzucato

Dottoressa Barbara Mazzucato

Ostetrica Libero Professionista

 

Specializzata in Rieducazione e Riabilitazione del Pavimento Pelvico
Attività libero professionale presso ambulatori privati dal 2013 ad oggi
Educazione, Rieducazione e Riabilitazione del pavimento pelvico
Preparazione perineale al parto
Gestione della gravidanza fisiologica
Gestione del travaglio a domicilio
Corsi di preparazione al parto e Acquaticità in gravidanza
Utilizzo rimedi omeopatici e fitoterapici nella preparazione al parto

Visita il profilo della Dottoressa Barbara Mazzucato